martedì 18 febbraio 2014

Sono i "dettagli" a fare la differenza

Questo video è stato realizzato dalla finestra del B&B che mi ospita nelle mie trasferte fiorentine per il Master sulle Smart Cities che sto frequentando.
Ore 7:00 del mattino: tre camion si accostano a questa "ecopiazzola" ed iniziano a svuotare i cassonetti a scomparsa estraendoli dal terreno mediante il braccio idraulico installato dietro la cabina del conducente, che a quanto pare è l'unico operatore.
L'operazione dura in tutto circa 15 minuti.
I cassoni sono cinque: divisi per tipologia di rifiuto: multimateriale, carta, organico, vetro e "rifiuto non diversamente differenziabile" (quel cassone che sta svuotando il camion del video).
Ho chiesto ad una signora che abita nello stabile del B&B quanto ha pagato di Tares (ricordo che rispetto alla TIA c'è stato un aumento che però mantiene il tributo tra i più bassi delle città capoluogo) e la signora ha tirato fuori dalla borsa il foglio riepilogativo inviatole.

Quota fissa per abitazione 84 mq = € 129,93
Quota variabile per nuclei familiari di 4 componenti = € 194,92
Totale tributo = € 324,85
Addizionale provinciale = € 16,25
Quota servizi (di competenza statale e pari ad € 0,30/mq) = € 29,40 
TOTALE € 370,50 

Le ho chiesto se le sembrava eccessivo e mi ha risposto: "bè forse un pochino, ma il servizio è buono e poi calcoli che han fatto un lavoro mica da ridere per l'interramento dei cassonetti, quindi sappiamo dove sono andati i nostri soldi".

"Sappiamo dove sono andati i nostri soldi"...ecco, questo è il punto. E i nostri soldi dove vanno?
Oltre 1 mld di Euro spesi dall'Ufficio del Commissario in meno di tre lustri, per fare cosa?
Per aggravare l'emergenza, non far partire una seria differenziata, non avviare la filiera del riciclaggio, non pensare minimamente ai sistemi innovativi di teleriscaldamento per le nostre case...niente di niente...solo...uno sperpero indicibile di denaro pubblico e nostro!
Strade invase dai rifiuti, piazze sottratte alla pubblica fruizione trasformate in discariche, nessun tipo di "guida" al corretto conferimento dei rifiuti, nessuna sanzione.
Eppure l'unico male che tutti vedono è la 'ndrangheta. Io la paragono a quei cumuli di rifiuti, la ndrangheta. Al pari di loro essa invade le strade e va combattuta strenuamente, ma non possiamo accettare che venga elevata ad unico e solo grande male di questa terra.
E' la cultura la leva sulla quale si deve agire. Se cresce la cultura, soprattutto la cultura della civile convivenza, allora il malaffare sarà spazzato via senza grandi clamori.

0 commenti: