lunedì 1 agosto 2011

Arte è Cultura - Inaugurazione Palazzo Misiano

Venerdì 5 agosto alle 18,30, a Bagaladi verrà inaugurato Palazzo Misiano, Casa della Cultura e delle tradizioni locali. Al debutto, la struttura restaurata di recente nell'ambito del progetto Parco Culturale dei Greci di Calabria, ospiterà una mostra collettiva di pittura organizzata dal Comune per valorizzare gli artisti locali.

“Promuovere i nostri artisti è motivo di grande soddisfazione per l’Amministrazione comunale – ha affermato il Sindaco Federico Curatola, presentando l'evento - Bagaladi è un centro molto vivace sotto il profilo della produzione artistica ed è nostro compito valorizzare e dare spazio ai nostri artisti. L’augurio è che questa sia una vetrina importante per tutti loro”.

Aurelia Nania, Titty Romeo, Pietro Perpiglia e Pietro Cilione, questi i nomi degli artisti che esporranno le loro opere. E ci sarà spazio naturalmente per le opere di Nunzio Bava, interprete illustre della pittura del '900 originario di Bagaladi e sempre molto legato al borgo aspromontano tanto che molti soggetti sono ispirati alla tradizione agricola e contadina.

L’obiettivo è quello di valorizzare gli artisti locali esponendo le loro creazioni in uno degli spazi più belli del borgo.“Vogliamo che Palazzo Misiano si caratterizzi come spazio espositivo, come fulcro della cultura e della tradizione di Bagaladi, sia attraverso l’arte, come nel caso della sua inaugurazione, che attraverso altre manifestazioni culturali”.

Inaugurerà il Palazzo e la Mostra l'on. Mario Tassone, componente della Commissione Parlamentare Antimafia e sarà presente anche il Presidente del Parco Nazionale d'Aspromonte Leo Autelitano che patrocina l'evento organizzato dall’Amministrazione Comunale in collaborazione con la Fondazione Domenico Aliquò. Numerosi altri ospiti sono attesi davanti alla torre che si staglia sulla Piazza San Teodoro per il tradizionale taglio del nastro.

La mostra “Arte è Cultura a Palazzo Misiano” sarà aperta tutti i giorni a partire dalle ore 18 fino alle 24.00.

0 commenti: