venerdì 10 giugno 2011

Lettera aperta sulla situazione in Comune

So che in un momento come questo, chiunque altro penserebbe a se stesso e basta, ma io antepongo, come sempre, il bene comune e l'immagine del paese. Mi accingo dunque a scrivere queste poche righe dispiaciuto per l'impatto mediatico generale che ha generato l'invio della Commissione di Accesso da parte di Sua Eccellenza il Prefetto. Non sono infatti per nulla preoccupato dalla possibilità che la Commissione trovi irregolarità od altro negli atti che sta valutando, poiché sono sicuro della legittimità degli stessi oltre che della loro correttezza.
Sono profondamente dispiaciuto che Bagaladi, paese dalla antica tradizione di "limpidità amministrativa", si trovi oggi in questa situazione del tutto nuova e, come davanti a ciò che non si conosce, viva la cosa con sgomento ed incredulità.
Come del resto la vivo io e come del resto la vivono quegli straordinari 12 ragazzi che mi accompagnano nella gestione della "cosa pubblica".
"Cosa pubblica" che consiste nelle piccole cose quotidiane per un piccolo paese come Bagaladi: la pulizia dalle erbacce, la raccolta efficiente dei rifiuti, la garanzia di un buon approvvigionamento idrico, lottare per tenere aperta la scuola, lottare per avere una viabilità migliore, lottare, lottare, lottare! Questa è la vita che dal 30 marzo del 2010 facciamo con profondo spirito di servizio perché amiamo questo paese, perché è il paese di mio padre, che anteponeva l'impegno per Bagaladi alla sua famiglia, ai suoi affetti, e così come mi ha insegnato io sto facendo.
La nostra è una "missione" oserei dire. Ho trascurato un lavoro certo e tranquillo per dedicarmi pienamente all'attività di Sindaco che certamente non mi da soddisfazioni economiche (970 € mensili e 150 € gli assessori) ma mi gratifica a livello umano e morale e mi avvicina a mio padre dopo che il destino me lo ha portato via mentre ancora avevo bisogno di lui.
Ecco il passaggio chiave: dopo la sua improvvisa morte, i membri della sua Amministrazione e la gente comune, giovani, uomini e donne e soprattutto gli anziani mi hanno chiesto di candidarmi e prendere il suo posto, indossare la fascia tricolore e guidare il paese con lo stesso sorriso, la stessa passione, lo stesso impegno che ci metteva lui. Convinti forse che prendere il suo posto, la sua scrivania, proseguire la sua opera, mi avrebbe avvicinato a lui, avrebbe seppur di poco lenìto l'immenso dolore per averlo perso così ingiustamente e prematuramente.
Solo per questo motivo io ho accettato, perché a chiedermelo è stata la gente, e perché ho visto la mia elezione come un tributo alla sua memoria.
Non avendo avuto esperienza amministrativa pregressa, l'impatto non è stato semplice e tutt'ora non lo è, sia per la precarietà strutturale dell'Ente, impelagato con mutui e debiti accumulati a partire dagli anni '90 accumulati per via di trasferimenti statali ridotti all'osso, sia perchè oltre a me, la quasi totalità degli assessori e dei consiglieri si trova alla prima esperienza.
Abbiamo cercato e stiamo cercando di dare risposte ai bisogni ed alle esigenze dei cittadini con i pochi mezzi a nostra disposizione, molto spesso mettendoci del nostrone sottraendo tempo ai nostri affetti ed alle nostre cose per essere sempre presenti e pronti.

E con questo spirito desideriamo continuare, certi della nostra correttezza e spinti sempre dall'immenso ed incondizionato amore per Bagaladi.

1 commenti:

ranaverdecricri ha detto...

La tua correttezza, la tua profonda signorilità, frutto dell'ottima educazione ricevuta dai tuoi genitori, ti rendono una persona limpida e lontano da giri oscuri...E lo sta testimoniando chi, seppur lontano, cerca di starti vicino...Anche in questa situazione stai dimostrando una grandezza d'animo fuori dal comune che pochi oserei dire pochissimi riescono ad eguagliare...sono certa che tutto si risolveà presto e che per le centinaia di persone che hanno la fortuna di conoscerti sarà solo un ricordo...un piccolo intoppo nella tua, me lo auguro di cuore, splendida carriera...a presto e in bocca al lupo per tutto
Ranaverde