domenica 28 febbraio 2010

Il Programma Amministrativo

Il programma della Lista “PROGETTO COMUNE per Bagaladi” rispecchia e incarna perfettamente le personalità e i desideri dei propri componenti.

Abbiamo formato questo gruppo superando la logica della militanza partitica, ma seguendo un criterio che riteniamo fondamentale per amministrare assieme Bagaladi, quello della stima reciproca e della piena e consapevole condivisione di idee e programmi per questo nostro paese.

L’idea “guida” del gruppo promotore è la volontà di “operare” con forza e determinazione al fianco dei cittadini, affrontando le problematiche legate al territorio e cercando in maniera sinergica di superarle puntando al “bene comune”.

Il circuito che ci poniamo di generare, attraverso il dialogo, la condivisione e la partecipazione sostanziale, deve necessariamente essere improntato a:
· Rafforzare il senso civico e l’appartenenza scacciando l’indifferenza ed il distacco dalla cosa pubblica;
· Diffondere una percezione della cosa pubblica e dell’attività amministrativa improntata alla correttezza e alla trasparenza degli atti e dei procedimenti amministrativi;
· Promuovere una nuova stagione per Bagaladi attraverso le tante “piccole cose” da fare quotidianamente.
· Proseguire e rinnovare l’impegno per una fattiva collaborazione con gli altri Comuni dell’Area Grecanica per la risoluzione dei problemi collettivi e per l’attuazione di una efficace programmazione di sviluppo d’area.

Siamo convinti che si può essere un buon amministratore solo se si è innanzitutto un buon cittadino: è con questo convincimento che ci impegniamo ad operare sul binomio “cittadino-comune”, sarà questo il fulcro del nostro operare!

La Lista “PROGETTO COMUNE per Bagaladi” si candida per succedere all’amministrazione uscente, con il desiderio di proseguire sulla strada tracciata dal compianto Sindaco Angelo Curatola, il cui percorso è stato tragicamente interrotto.

Le sue idee ed il suo impegno per la crescita socio-economica e culturale di Bagaladi devono continuare a guidare l’azione politica della nuova amministrazione.

Contestualmente dovrà realizzarsi una “nuova stagione” per Bagaladi, attraverso la presenza e il lavoro di giovani e volitivi nuovi amministratori, animati da spirito di servizio, amore per il proprio paese e voglia di spendersi in prima persona per perseguirne lo sviluppo.

IL PROGRAMMA AMMINISTRATIVO

Questo programma è stato pensato con caratteristiche di intersettorialità e sinergia tra i diversi settori vocati a determinare lo sviluppo economico e sociale del Comune. Per una più agevole lettura abbiamo diviso il programma per macro-tematismi tra loro collegati affinché possano portarci al raggiungimento degli obiettivi di crescita che ci prefiggiamo.

LAVORO E OCCUPAZIONE
L’amministrazione Comunale ha il compito di creare un contesto ambientale ed infrastrutturale adeguato, affinché il mondo imprenditoriale (artigianale e commerciale) sviluppi attività già esistenti o ne intraprenda di nuove. Tale compito si estrinsecherà nell’impegno fattivo degli amministratori di mettere in atto tutte le forme di semplificazione e accelerazione degli atti burocratici e amministrativi. Inoltre l’assessore o il consigliere riceverà questa delega, si impegna a costituire, a costo zero, uno “sportello per le politiche di sviluppo” che espleti la propria funzione interagendo periodicamente con enti, istituzioni, organismi ed associazioni (Regione, Provincia, Comuni limitrofi, GAL, PIT) al fine di conoscere, monitorare e quindi utilizzare le varie opportunità (bandi, iniziative, finanziamenti…) che si renderanno disponibili sia a livello locale che globale e sia in ambito pubblico che privato.

SERVIZI SOCIALI
Affrontare i problemi di chi ha bisogno di aiuto significa rafforzare un rapporto tra generazioni, che possa garantire serenità agli anziani ed alle fasce deboli con interventi personalizzati, cioè progettati ed eseguiti in continuità caso per caso, con un’offerta di servizi di vario tipo: domiciliari, semiresidenziali a ciclo diurno, residenziali, centri di sollievo. Ci impegniamo a: · Istituire/potenziare il servizio di assistenza domiciliare integrata, rivolto a persone non autosufficienti mirando al loro mantenimento in famiglia con l'integrazione dell'assistenza infermieristica e riabilitativa; · Istituire, a costo zero, uno “sportello per le politiche sociali” presso l’assessorato, utile per la segnalazione di bandi, agevolazioni, monitoraggio dei bisogni ed erogazione dei servizi. · Dare piena attuazione alla Legge 8 novembre 2000 n. 328 “Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali”; · Continuare a promuovere l’aggregazione sociale e l’integrazione delle fasce deboli e degli immigrati residenti. · Promuovere il volontariato sociale e sanitario creando le condizioni per rendere possibile la presenza di un’ambulanza e di personale medico e paramedico volontario sul territorio per le emergenze.

LAVORI PUBBLICI
Anche per quanto riguarda le opere pubbliche si avrà una diversa sensibilità e, viste anche le ristrettezze economiche, si porrà l’attenzione verso il recupero della piena funzionalità delle “opere minori” (scalinate, muri, terrazzamenti, ringhiere, parapetti…..) che nel loro insieme costituiscono elemento fondamentale per migliorare la vivibilità e la qualità della vita soprattutto nel centro storico. Prassi ordinaria dovrà essere la concertazione degli interventi e delle opere da realizzarsi attraverso incontri rionali con la cittadinanza, attuando in tal senso una programmazione partecipata e condivisa in uno spirito nuovo di democrazia diretta anziché semplicemente demandata. Determinato e certo sarà l’impegno per ultimare tutte le opere pubbliche già avviate, e realizzarne delle nuove, nell’intento di proseguire nel perseguimento di una migliore qualità urbana che è condizione necessaria per lo sviluppo. Opere pubbliche Queste le opere che dovranno vedere il nostro massimo impegno:
· il Parco Eolico ai Piani di Lopa, che oltre all’aspetto culturale, poiché sarà il primo parco eolico in Provincia di Reggio Calabria, rivestirà anche un ruolo importante per l’economia e l’attrattiva del nostro Comune;
· il completamento della pavimentazione naturalistica del Torrente Zervo;
· il miglioramento del sistema di approvvigionamento idrico e della distribuzione mediante un intervento in località “Mattamanti” e la sistemazione dell’acquedotto della “Femmina” in modo da avere l’acqua per caduta;
· la realizzazione di una struttura polifunzionale (sportiva, culturale e ricreativa) sull’area adiacente al Campo polivalente ed al plesso scolastico;
· la ristrutturazione e l’ammodernamento dello Stadio Comunale “T. Abenavoli”;
· la sistemazione della segnaletica stradale orizzontale e verticale;
· la revisione della toponomastica;
· l’ampliamento del cimitero;
· il recupero delle strutture comunali e successiva destinazione a fini sociali, culturali ed amministrativi;
· il miglioramento, il potenziamento e, ove possibile, la realizzazione di nuove strade comunali interpoderali che svolgono un ruolo importantissimo per l’economia agricola del nostro paese.

Un punto a parte è la viabilità di accesso al paese. Ci impegniamo a fare una forte pressione sulla Provincia affinché venga migliorata la SP3 Melito-Bagaladi-Gambarie, strada strategica non solo per Bagaladi ma per il mantenimento in vita dell’intero entroterra e di questa porzione di Aspromonte. Proporremo all’Amministrazione Provinciale l’adozione di un progetto di massima per la sistemazione di alcuni tratti, l’eliminazione di alcune curve e l’allargamento dei punti critici. Siamo consapevoli che la “strada di grande comunicazione” che anni fa si era pensata sia difficilmente riproponibile per questioni economiche e forse anche politiche, ma siamo altrettanto convinti che su questo campo, quello della viabilità, si gioca una partita cruciale per la sopravvivenza di Bagaladi e delle aree interne dell’Aspromonte e dunque lotteremo strenuamente.

Recupero del centro storico
Pensiamo ad un progetto integrato per far rivivere il centro storico di Bagaladi attraverso nuove prospettive che non siano solo quelle, peraltro già realizzate, della riqualificazione estetica e fisica dello stesso, ma puntando ad un recupero delle attività e della vitalità che erano proprie del borgo antico ed eventualmente l’abitabilità dello stesso. L’obiettivo è cioè di far rinascere il centro storico partendo dalle esperienze di parziale utilizzo realizzate mediante le varie edizioni del Presepe Vivente. In questo senso, il recupero e la ristrutturazione di Palazzo Misiano e Palazzo Pannuti, completate recentemente, possono essere un input per rivitalizzare il centro storico. Attorno ad essi speriamo sorgano varie iniziative private (B&B, locande, botteghe artigiane, ecc…) che noi ci impegniamo a sostenere prevedendo magari una forma di detassazione specifica.

POLITICHE AMBIENTALI, URBANISTICA E GESTIONE DEL TERRITORIO
Per valorizzare al meglio il proprio territorio e le proprie peculiarità è indispensabile una conoscenza globale e approfondita dello stesso. In tal senso appare prioritaria una ricognizione del patrimonio territoriale attraverso studi e ricerche che consentano di avere l’esatta conoscenza delle nostre risorse naturali e del loro attuale stato. Bisognerà intervenire sulle aree a rischio idrogeologico trasformando gli interventi di sistemazione idrogeologica in occasione di recupero e valorizzazione ambientale e funzionale degli spazi oggetto di intervento. Verde pubblico e pulizia urbana La pulizia degli spazi pubblici è un’altra grande priorità. In primo luogo perché il decoro urbano è un fattore di civiltà. Secondariamente perché va tutelata l’immagine di un paese che ha sempre dimostrato un altissimo senso civico rispetto ai paesi contermini. In particolare la nostra azione si concentrerà su:
· Verde urbano;
· Pubblica illuminazione;
· Manutenzione strade comunali e interpoderali;
· Gestione cimitero;
· Gestione del patrimonio boschivo;
· Servizi di giardinaggio e piantumazione;

Rifiuti
La costituzione dell’ “ATO Rifiuti” sarà un’occasione per ridefinire con il futuro gestore le modalità di:
· spazzamento stradale meccanico e manuale;
· pulizia e disinfezione periodica dei cassonetti;
· raccolta differenziata;
· individuazione e delimitazione delle “isole ecologiche”;

Inoltre ci impegniamo a ripristinare la buona prassi di organizzare le giornate ecologiche, molto significative soprattutto per le scolaresche;

Urbanistica
Dal punto di vista urbanistico, visto che il Piano Strutturale in forma Associata è in fase di redazione, ci impegniamo a seguire le fasi del Piano con attenzione vigilando affinché le linee guida siano compatibili con il modello di sviluppo che proponiamo, evitando che si stravolgano le destinazioni d’uso rispetto al vigente Programma di Fabbricazione. Dal punto di vista dell’espansione urbana bisogna puntare alla sistemazione dell’area destinata alle attività produttive in località “Giardini Grandi” ed alla “sfida” del Villaggio Residenziale ai Piani di Lopa, di cui ci impegniamo a perseguire la realizzazione al fine di sviluppare tutta la zona montana del Comune.

TURISMO, IMPRESE E SVILUPPO LOCALE
La promozione del territorio e delle risorse naturali riveste un ruolo importante nel nostro programma. Rappresenta infatti il passaggio successivo allo sforzo che impiegheremo sul miglioramento della qualità urbana. Lavorando in sinergia con gli enti e le associazioni che fanno turismo, ci proponiamo di aumentare il bacino di utenza indirizzando il nostro impegno sui punti sottoelencati. Non va dimenticata la straordinaria occasione che ci viene offerta dall’istituzione di Reggio “Città Metropolitana” che può e deve diventare un’occasione per attrarre turisti, vista la baricentricità di Reggio e della sua Provincia nel bacino del Mediterraneo. Ricettività e imprese I Sistemi Turistici Locali, l’ospitalità diffusa, il turismo rurale e religioso, il trekking e l’escursionismo sono le modalità con cui si intende invogliare i turisti a scegliere Bagaladi come meta per brevi soggiorni all’interno del Parco Nazionale d’Aspromonte. Di seguito le principali tematiche che si vogliono sviluppare:
· creazione di itinerari turistici;
· recupero e valorizzazione di terrazzamenti e punti panoramici;
· recupero di immobili da destinarsi all’ospitalità, alla ristorazione, all’esercizio di attività tipiche artigianali o dei servizi di supporto al turismo rurale;
· potenziamento del museo delle tradizioni e dei vecchi mestieri;
· incentivazione del turismo rurale (turismo verde) che non significa poi solo ricettività ed accoglienza del turista; significa anche promozione delle produzioni agroalimentari tipiche e promozione delle lavorazioni artigianali tradizionali che, opportunamente messe in rete possono rappresentare un ulteriore elemento di attrattività per il bacino di utenza turistica.

BAMBINI, GIOVANI, CULTURA, TEMPO LIBERO E SPORT
Tutti concordano, quando si affronta l’argomento “giovani” che non può essere solo il bar o la panchina in piazza l’unico luogo di incontro e aggregazione. Pertanto è opportuno pensare ad una serie di azioni concrete da mettere in campo per favorire una più adatta politica di aggregazione sociale giovanile, incentivando le attività culturali attraverso progetti da sviluppare (corsi di lingue, informatica, ecc….) in comune con le associazioni che già operano attivamente sul territorio a partire dalla Pro Loco. La nostra azione dovrà tendere alla rivitalizzazione della cultura ed alla prosecuzione dei già ottimi rapporti con il mondo della scuola e dell’Università. Dovremmo valutare la possibilità di avere un centro culturale per l'elaborazione, la gestione delle varie forme di attività culturali, da quella teatrale, a quella musicale a quella letteraria, prevedendo la destinazione di una o più strutture comunali ai cui locali potranno accedere tutte le associazioni regolarmente iscritte e riconosciute operanti sul territorio.

Sport e Politiche giovanili
Per favorire l’aggregazione giovanile e migliorare la qualità del tempo libero ci proponiamo di realizzare i seguenti interventi:
· realizzazione di una struttura polifunzionale (sportiva, culturale e ricreativa) sull’area adiacente al Campo polivalente ed al plesso scolastico;
· ristrutturazione dello Stadio Comunale “T. Abenavoli”;
· potenziamento del Centro Sociale e delle annesse Biblioteca e Ludoteca;
· valorizzazione del ruolo aggregante delle associazioni culturali che operano a favore della comunità;
· incentivare organizzazioni sportive con particolare attenzione al coinvolgimento di bambini e ragazzi.

SERVIZI E “MACCHINA COMUNALE”
La “macchina comunale”, cioè l’insieme dei dipendenti comunali, dal dirigente all’operaio è il vero motore di ogni amministrazione: senza il fattivo contributo di chi nel Comune lavora ed opera, anche le idee più belle rimangono lettera morta. Ogni iniziativa politica, per essere portata a compimento, necessita di avere dipendenti comunali preparati, motivati e disponibili a collaborare in piena serenità.
Nella prossima legislatura bisognerà necessariamente rivedere la pianta organica e compatibilmente con le risorse economiche, bisognerà provvedere alla copertura di quei posti che si renderanno disponibili, al fine di rendere la qualità dei servizi erogati ai cittadini più stabile ed elevata. Una maggiore razionalizzazione della spesa pubblica per il funzionamento della macchina comunale caratterizzerà il nostro operato: migliorare i servizi al cittadino economizzando, nel contempo, sulla spesa.

CONCLUSIONI
L’idea di Comune che abbiamo cercato di delineare è quella di una istituzione “amichevole” non separata dai cittadini. Cercheremo di applicare linee di sviluppo condivise che rendano partecipe ogni bagaladese in un’ottica di sostanziale solidarietà civile, alle decisioni ed alle scelte collettive. Questo programma non è certamente esaustivo di tutte le problematiche che dovremo affrontare nei prossimi cinque anni. Per questo, nel rispetto dei valori e dei principi enunciati, lo consideriamo aperto a tutti i contributi e ai suggerimenti positivi e fattivi che ogni cittadino sensibile ai problemi della nostra comunità vorrà porci.
La Lista “PROGETTO COMUNE per Bagaladi” si impegna a discutere e riesaminare periodicamente i contenuti di questo programma, in funzione del raggiungimento degli obiettivi prefissati.

2 commenti:

Anonimo ha detto...

Per tanto tempo mi hai intrattenuto con discorsi, condivisibili, sulla necessità di evitare la pratica delle liste civiche e di un ritorno alle liste di partito nelle competizioni comunali.
Pur avendo rispetto per il tuo grave lutto, devo constatare, amaramente, che i tuoi principi e le tue idee non hanno superato il vaglio delle convenienze concrete.
Potevi essere l'Obama dell'Area Grecanica, sarai un giovane sindaco perfettamente integrato in un sistema, che, a parole, afferrmavi di volere cambiare.
Guadagnerai una poltrona, ma,certamente, avrai un amico in meno.

Federico Curatola ha detto...

Non sei certamente amico mio se lasci un messaggio "ANONIMO" sul mio blog. Gli amici, quelli veri, firmano col loro nome e considerazioni di questo genere le affrontano di persona.

Comunque ricordo e confermo quanto sostenuto, cioè la necessità, ove possibile (tipo Comuni grossi come Melito), di fare liste politiche e non civiche.

La realtà di Bagaladi è ben diversa, soprattutto in questa tornata in cui si è pervenuti alla formazione di una sola lista.

Per quanto riguarda il tuo giudizio, ti consiglierei di aspettare di vedermi all'opera prima di trarre conclusioni...che potrebbero, anzi saranno certamente affrettate!

Colgo l'occasione per dire che se arriveranno altri commenti anonimi non verranno pubblicati.