sabato 23 maggio 2009

In ricordo dell'amico Angelo Curatola - di Franco Iannì

Cantavi, Bagaladi è bella assai……... Un inno all’amore verso il tuo paese. Un ricordo che conservo vivido eppure sono trascorsi tanti anni, è quello di una casa disabitata e dei giovani che cantano, suonano e sognano.

Sognano di cambiare il mondo e Bagaladi quantunque fosse una piccola parte del mondo, andava cambiata e tanto per cominciare iniziarono col cambiare alcune parole di quella vecchia canzone, lasciando però inalterata la musica.

Tradizione e rinnovamento Piccole cose, ma il sogno si concretizzava prendeva forma. Poi la vita ti scivola addosso ed un giorno ti accorgi di non essere più giovane.

Ma Tu, Angelo ti sentivi ancora giovane, giovane dentro,e non perdevi occasione per intonare quella “nuova canzone”.

Bagaladi è bella assai , nu cantu e nu surrisu,di vita e….. du ponti u tumbinennu si vai a passiari e si non sugnu bennu lu dinnu li cummari…. Bagaladi è bella assai , nu cantu e nu surrisu………

Il tuo sorriso domani, non lo rivedrò più e non servirà certo a consolarmi il pensiero, che anche Tu sei andato a raggiungere gli altri,che... dormono, dormono, dormono sulla collina...... come evoca una famosa poesia dell’Antologia di Spoon River.
prof. Franco Iannì

La foto ritrae Angelo Curatola (puntino giallo) con gli amici con i quali è cresciuto a Bagaladi.

0 commenti: