sabato 21 marzo 2009

Gli orti sui tetti, la nuova "moda urbana"

Trasformare tetti e terrazzi in 'orti urbani' trova sempre piu' proseliti. E dopo la decisione di Michelle e Barack Obama di allestire un orto alla Casa Bianca, gli spazi verdi per la coltivazione biologica in citta', magari sui tetti, sui balconi e nei cortili, sembrano destinati a incontrare sempre piu' fortuna e a cambiare anche la fisionomia della grandi metropoli.

Londra ha gia' uno sponsor autorevole nel suo sindaco, Boris Johnson, che ha proposto un programma di incentivi per chi intende attrezzare degli orti nella capitale inglese. E sono gia' al lavoro i tecnici del comune, per stilare la mappa delle superfici coltivabili; intanto e' stato calcolato che i tetti di Londra offrono un'area 24 volte superiore al parco di Richmond, il polmone della citta' situato a sud del Tamigi. Il comune, dara' anche dei finanziamenti ai proprietari dei tetti adattabili ad orti, per incoraggiare i londinesi a trasformarsi in contadini metropolitani.

Il piano elaborato dal sindaco di Londra prevede anche che vengano destinati ad orti gli scali ferroviari in disuso, i giardini delle scuole e quelli delle case popolari. Anche il sindaco San Francisco, appoggia la nuova tendenza e dopo aver fatto allestire un orto davanti al municipio, attraverso l'associazione Garden for the Environment la citta' e' diventata un'attiva promotrice degli orti in citta',da allestire in spazi sempre piu' inusuali che permetteranno la coltura di cibi locali anche in pieno centro dando sfogo all''agri urbano'.

0 commenti: