giovedì 29 gennaio 2009

Esiste un problema nel PD

Esiste un problema nel PD, e va risolto alla svelta.

Secondo alcuni dati pubblicati da Il Giornale il 27 gennaio, a dicembre 2008 risultavano 300mila iscritti, a fronte dei 990mila di Ds e Margherita di un anno prima. Tutta colpa della “questione penale” e degli scandali che hanno colpito il Pd, come sostengono in molti? Non credo, anzi.

Se le persone sapessero che la loro tessera rappresentasse la forza di esprimere un’idea, una volontà programmatica, un’iniziativa politica, penso sarebbero in molti a iscriversi, proprio per dare il loro apporto positivo in un momento tanto difficile. Il punto è che la gente sa che non è così, che quella tessera serve più “alla conta”, e non alla democrazia diretta che dovrebbe vigere in un partito.

Non biasimo la gente che in questo momento non ha fiducia nelle possibilità del PD di rappresentare una forza alternativa alle destre, una forza veramente riformista e popolare.

Il dibattito interno tra le varie anime del partito è troppo acceso e rasenta l'inaccettabile. Da cima a fondo questo partito non ha coscienza di sè; gli statuti ed i regolamenti non vengono rispettati o vengono superati da circolari interne e decisioni discutibili.

Dobbiamo riaddrizzare la barca...o andremo irrimediabilmente fuori rotta.

Per quanto riguarda le elezioni di domenica, era prevedibile una prova di forza della corrente "A testa alta". Non ho apprezzato l'intervento di Alessia Zappia, ex coordinatrice del partito, che esultava per il successo della corrente che fa capo all'on. Bova, in quanto lei, da coordinatrice di "tutto" il partito, avrebbe dovuto, secondo me, mantenere un profilo distaccato, o quantomeno esultare privatamente.

Ma di queste situazioni, ahimè ne abbiamo viste e ne vedremo sempre...un altro esempio è l'incresciosa situazione verificatasi a Melito, dove il seggio, domenica scorsa, non è stato nemmeno aperto, negando la possibilità a circa 600 persone, tra tesserati ed elettori, di scegliere i proprio rappresentanti all'assemblea provinciale e comunale.

Come faccio, da giovane, a coinvolgere altri giovani nella vita di partito, se è questo l'esempio?

0 commenti: