sabato 6 settembre 2008

Alea iacta est

Il dado è tratto. Si passa ora alla fase operativa della nostra campagna contro la Centrale a Carbone, la fase in cui bisogna sensibilizzare la popolazione, spiegandole le ragioni della nostra contrarietà che sono le tutela della salute, dell'ambiente, del futuro del territorio.

Il MANIFESTO DEL NO verrà affisso nei Comuni dell'Area, da Reggio a Brancaleone e verrà distibuito nei locali, nelle edicole, dei bar e nei tabacchini in modo da raggiungere la capillarizzazione che speriamo.

E' importante che la gente colga in primis il dato relativo ai rischi per la salute, all'incidenza tumorale che avranno le emissioni prodotte.

Ma anche il fatto che la presenza della Centrale farà crollare i valori immobiliari e delle attività dell'Area.

TUTTO QUESTO A FRONTE DI POCHE DECINE DI FANTOMATICI POSTI DI LAVORO CHE PERALTRO E' DIFFICILE CREDERE CHE VERRANNO RICOPERTI DA NOSTRI CONCITTADINI.

La Centrale non ci serve! Ci serve valorizzare le nostre risorse, recuperare l'area della Liquichimica e restituirla alla fruizione turistica, con l'annesso porto, l'oasi ecologica, i fondali meravigliosi, le bellezze naturali vicine come Pentedattilo e Prastarà. Questo ci serve. Un impegno forte mirato a far acquistare valore alla nostra Area, non a deprezzarla e costringere i residenti a "svendere" e scappare dalle polveri sottili e dall'Anidride Carbonica.

SENSIBILIZZIAMO LA GENTE CON QUESTE ARGOMENTAZIONI, CONVINCIAMOLA A SCENDERE IN PIAZZA PER TUTELARE I PROPRI DIRITTI E PER DIFENDERE IL FUTURO DEI PROPRI FIGLI!





0 commenti: