lunedì 5 maggio 2008

Differenziarsi per Differenziare, o informare per differenziarsi.

Le iniziative di comunicazione si rivelano ogni giorno sempre più importanti, soprattutto in un settore, come quello ambientale, in cui vengono chiamati in causa abitudini ed interessi che riguardano la cittadinanza nella sua interezza.

La comunicazione si propone come strumento di negoziazione, di risoluzione dei conflitti, di partecipazione e di coinvolgimento, al fine di evitare situazioni di disagio alla popolazione e interferenze negative sulle decisioni di governo. È necessario capire quali siano i mezzi più efficaci per rivolgersi all’utenza con precisione e trasparenza, come usare la creatività per raggiungere target di pubblico e obiettivi differenti.


La "comunicazione" e la giusta "informazione" diventano fondamentali quando l’obiettivo è creare maggior consapevolezza tra i soggetti interessati e di condividere le scelte per raggiungere un sistema efficiente ed evoluto.

Da questo assunto parto per esprimere il mio modesto pensiero sull'andamento della Raccolta Differenziata che la Società "FATA MORGANA" sta realizzando nella nostra città.

E sono partito da alcuni concetti sull'importanza della comunicazione, proprio perchè le famiglie, anzi, le "utenze", lamentano una fatica a comprendere il "messaggio" o i "messaggi" che si vogliono dare attraverso la raccolta cosiddetta di "prossimità" (quella cioè in cui il conferimento avviene nei pressi dell'abitazione).

Faticano a comprendere la necessità di differenziare i rifiuti domestici, le modalità con cui farlo, cosa è giusto differenziare e cosa ci guadagnano.

Certo, la cultura ambientalista non affonda le proprie radici nella nostra città, anzi, potremmo dire che siamo tra i popoli con il più basso senso del "verde" e della tutela dell'ambiente.

Ma va detto che trovando la giusta chiave di lettura, si potrebbe far presa sull'opinione pubblica, anche per argomenti che magari interessano relativamente poco.

Esempio: i vantaggi economici. Non è stato sufficientemente chiarito quali siano i vantaggi economici a cui il cittadino (utente) può andare incontro qualora facesse una buona racoclta differenziata dei rifiuti, come ad esempio la riduzione dell'imposta sui rifiuti.

Ecco probabilmente quale chiave utilizzare...il portafogli!

Ma l'errore di comunicazione non sta solo qui, è a monte e va imputato alla società responsabile della raccolta che non ha messo in atto la giusta campagna di sensibilizzazione e di informazione.

Non siamo ecologisti per nostra indole, però non voglio credere che siamo masochisti (soprattutto dopo aver visto Napoli e la Campania); perciò ritengo che se opportunamente e debitamente informati, la raccolta differenziata potremmo attuarla ed anche piuttosto bene.

Dove cade in errore il Comune? Nel momento in cui non pressa su FATA MORGANA spa affinchè realizzi questo "contatto" con la cittadinanza, con le scuole, per abituare le nuove generazioni ad avvicinarsi con maggior consapevolezza alla questione ambientale.

Ritengo che sia chiaro e palese quale beneficio "materiale" avremo nell'immediato se differenziamo tutti...un minore conferimento di rifiuti tradizionali in discarica e quindi una minore spesa per il Comune.

Io raccomando a tutti di differenziare, forse organizzeremo una giornata informativa, qualcosa ci inventeremo per sopperire a questa disinformazione grave che rischia di vanificare gli sforzi dei cittadini che stanno differenziando perchè sanno che i benefici possono ripagarli.

Per informazioni, intanto, su come differenziare, vi consiglio di scaricare la brochure che la società ha fatto circolare ma che non ha provveduto a diffondere come avrebbe dovuto.

0 commenti: